Gravidanza e lavoro

lavoro-gravidanzaTutela delle lavoratrici madri
La gravidanza rende la donna più sensibile nei confronti dei rischi presenti negli ambienti di lavoro, con possibili conseguenze sulla salute della madre e del nascituro.
I rischi lavorativi possono legarsi:

* all’organizzazione del lavoro (lavoro faticoso, notturno, con trasporto e sollevamento pesi, in catena di montaggio con ritmi frequenti oppure in piedi per periodi prolungati);
* all’ambiente (rumore elevato, vibrazioni, radiazioni, condizioni climatiche sfavorevoli);
* all’utilizzo di particolari materiali (mastici, colle, colori, vernici, smalti, gas anestetici, fumi, solventi, diluenti, detergenti, disinfettanti, metalli pesanti come il piombo);
* all’eventuale presenza di agenti infettivi (ad esempio: batteri, virus).
La legge per la tutela delle lavoratrici madri prevede:

* un periodo di astensione obbligatoria dal lavoro che inizia due mesi prima del parto e termina tre mesi dopo il parto;
* l’astensione anticipata dal lavoro in caso di gravi complicanze della gravidanza di malattie preesistenti che potrebbero essere aggravate dallo stato di gravidanza;
* il cambio di mansione della lavoratrice in caso di condizioni di lavoro che pregiudichino la salute della donna o quella del bambino;
* l’astensione anticipata dal lavoro qualora il cambio di mansione non sia possibile.
A chi rivolgersi:
Nel caso di complicanze della gravidanza:lavoro-e-gravidanza

* al proprio ginecologo che certifica la richiesta di astensione anticipata dal lavoro.
Nel caso di lavoro a rischio:

* la lavoratrice, munita di certificato medico di gravidanza, può rivolgersi allo S.P.I.S.A.L. (Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti di Lavoro) dell’Azienda ULSS dove ha sede la ditta. Il Servizio attiva le procedure relative al cambio di mansione ed eventualmente all’astensione obbligatoria anticipata.
Allo stesso Servizio le lavoratrici madri possono rivolgersi per informazioni sui rischi presenti nel proprio ambiente di lavoro. Sulla base della certificazione rilasciata dal ginecologo o dallo S.P.I.S.A.L.; la Direzione Provinciale del Lavoro emanerà il relativo provvedimento autorizzativo.

* La lavoratrice impiegata in attività considerate rischiose per la gravidanza può rivolgersi al Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (S.P.I.S.A.L.) dell’ULSS dove risiede la propria ditta.
* Lo S.P.I.S.A.L.:
– valuta la presenza di un rischio per la gravidanza;
– verifica, presso il datore di lavoro, la possibilità di una mansione alternativa salubre;
– se non è possibile un adeguato cambio di mansione vengono attivate le procedure per l’astensione anticipata dal lavoro.
Modalità di accesso

* L’accesso al Servizio, gratuito, avviene nelle due sedi di Camposampiero o Cittadella previo appuntamento telefonico (Camposampiero: Telefono 049.932.43.30 – Cittadella: Telefono 049.942.44.32).
* Al momento dell’accesso si deve portare un certificato di gravidanza rilasciato da un ginecologo.
* Per ulteriori informazioni consultare le note informative a lato.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.